Terapia in movimento: Depressi lievemente o semplicemente stressati, le persone si rivolgono alle app per la cura della salute mentale

Sempre più persone sperimentano le app per la salute mentale e ne scoprono i benefici e i limiti.

Lauri Goldkind, Università Fordham

Potrebbe essere sorprendente pensare di cercare terapeuti e ordinare cure mentali come si può consultare un menu su Grubhub o chiamare un'auto su Lyft.

Ma nell'ultimo decennio l'accesso digitale alla terapia è diventato sempre più comune, in alcuni casi sostituendo il modello tradizionale di sedute settimanali di persona tra terapeuta e cliente.

Le applicazioni per la salute mentale e il benessere spaziano dagli indicatori dell'umore, agli strumenti di meditazione e ai diari, fino alle applicazioni terapeutiche che abbinano gli utenti a un professionista abilitato. La ricerca del mio team si concentra sulle app terapeutiche che funzionano abbinando i clienti a un professionista autorizzato.

Come ricercatore di lavoro socialeSono interessato a capire come queste applicazioni influenzare i clienti e gli operatori del settore. Il mio team di ricerca ha studiato l'assistenza che gli utenti delle app ricevono. Abbiamo parlato con terapeuti che usano le app per raggiungere nuovi clienti. Abbiamo anche analizzato i contratti che i professionisti della salute mentale firmano e gli accordi che i clienti accettano utilizzando le app.

Permangono interrogativi reali sulle modalità di regolamentazione delle app, su come garantire la privacy degli utenti e la qualità dell'assistenza e come la terapia a distanza possa essere rimborsata dalle assicurazioni. Mentre questi dibattiti continuano, le persone usano regolarmente le app per connettersi con i terapeuti e chiedere aiuto per le loro difficoltà emotive e mentali. E attraverso queste app, i terapeuti interagiscono con persone che potrebbero non aver mai preso in considerazione la terapia prima d'ora.

Un mercato già pronto

Nel primo anno della pandemia, i tassi di depressione e di ansia aumentato di 25% in tutto il mondo, secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità. In un'indagine del giugno 2020 dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, 40,9% degli intervistati ha riferito almeno una condizione di salute mentale o comportamentale avversa, rispetto a solo 19% nel 2018.

Il vecchio modello di terapia, che vedeva terapeuti e pazienti seduti faccia a faccia, era già fuori portata per molti. In effetti, le app per la salute mentale sono una risposta alla domanda dei clienti che cercano servizi terapeutici più accessibili.

La pandemia COVID-19 ha messo il turbo a entrambe le tendenze: la crescente necessità di cure mentali e l'uso della tecnologia per accedervi. Per gli attuali clienti della salute mentale, gli ordini di rimanere a casa hanno chiuso le cliniche e gli uffici dei terapeuti alle visite di persona, con il risultato di un aumento del numero di pazienti che hanno bisogno di assistenza. passaggio senza precedenti all'accesso online alla terapia.

Come funzionano le app di abbinamento

Le piattaforme per la salute mentale dei consumatori, come Better Help e TalkSpace, abbinano i clienti a fornitori di terapia autorizzati. Con pubblicità in televisione, sui canali dei social media e sui cartelloni autostradali, le app promuovono la flessibilità, la convenienza e la possibilità di ricevere supporto con slogan come "Meriti di essere felice" o "Sentirsi meglio inizia con una singola chiamata".

Quando gli utenti delle app entrano nello spazio online di una piattaforma, il suo software proprietario offre un cruscotto digitale e strumenti di comunicazione. Queste piattaforme promettono anche l'accesso immediato a un terapeuta professionista, una risposta immediata e l'anonimato.

Gli utenti dell'app scelgono un terapeuta esaminando un elenco di fornitori corredato da foto in miniatura, biografie simili a curriculum e recensioni dei consumatori. Gli utenti scelgono anche come mettersi in contatto con i terapeuti: telefonate o videochiamate, e-mail, testi o una combinazione. Le app consentono inoltre ai clienti di cambiare terapeuta in qualsiasi momento.

Mentre il cliente e il terapeuta scelto si connettono e comunicano, dietro le quinte l'app raccoglie e conserva i dati, calcolando in seguito il pagamento del terapeuta scelto e fatturando all'utente dell'app.

Per alcune persone, entrare nello studio di un terapeuta potrebbe non essere un'opzione, ma potrebbero trovare più accessibile il trattamento attraverso lo smartphone.

Le applicazioni e i loro rischi

Curiosamente, mentre le piattaforme di app per la salute mentale si promuovono come fornitori di servizi di salute mentale, in realtà non prendono responsabilità per i servizi di consulenza che stanno fornendo. Le app considerano i terapeuti come contraenti indipendenti e la piattaforma funge da servizio di abbinamento. Inoltre, le app possono aiutare gli utenti a trovare un terapista più adatto se lo richiedono.

Ma nessuna legge o precedente protegge i consumatori o chiarisce i diritti degli utenti delle app. Ciò differisce dalla terapia faccia a faccia, in cui gli operatori lavorano sotto la supervisione di commissioni statali di autorizzazione e della legge federale. Alcune delle principali app di terapia sono state accusate di estrazione dei dati dei clienti e rischio di violazione dei dati.

Come altri spazi virtuali, i domini dei servizi di salute mentale online operano in base a normative in continua evoluzione e localizzate.

Chi beneficia di queste app?

Gli assistenti sociali intervistati dal nostro team hanno parlato molto di chi può beneficiare di questo tipo di terapia basata su app e, soprattutto, di chi non può farlo. Per esempio, le piattaforme non sono state concepite per trattare persone con malattia mentale grave o disturbi mentali che interferiscono in modo sostanziale con la vita, le attività e la capacità di funzionare in modo indipendente di una persona.

Allo stesso modo, la psicoterapia basata su app non è adatta a chi ha pensieri suicidi. Le piattaforme controllano gli utenti per rischio di autolesionismo quando si iscrivono. Se un cliente dovesse mai mettere in pericolo se stesso o qualcun altro, l'anonimato dell'utente sulle app rende quasi impossibile per un terapeuta inviare un team di risposta alla crisi. I terapeuti che utilizzano le app hanno dichiarato al nostro team di ricerca che a volte finiscono per monitorare i loro clienti alla ricerca di segnali di crisi, contattandoli più frequentemente attraverso l'app. Questo è uno dei motivi per cui i terapeuti delle app, che controllano anche gli utenti, a volte rifiutano potenziali clienti che potrebbero aver bisogno di un livello di assistenza più elevato.

Per chi non soffre di gravi malattie mentali, la terapia basata sulle app può essere utile per mettere in contatto i clienti con un professionista che abbia familiarità con una serie di problemi e fattori di stress. Questo rende le app interessanti per chi soffre di ansia e depressione lieve o moderata. Sono interessanti anche per le persone che non cercherebbero normalmente una terapia in ufficio, ma che desiderano un aiuto per problemi di vita come i problemi coniugali e lo stress legato al lavoro.

Le applicazioni potrebbero anche essere pratiche e convenienti per coloro che non possono o non vogliono sottoporsi a una terapia formale, anche a distanza, presso una clinica o un ufficio di salute mentale. Per esempio, l'anonimato delle app potrebbe essere interessante per le persone che soffrono di condizioni come l'ansia sociale o l'agorafobia, o per quelle persone che non possono o non vogliono partecipare a una videochiamata.

Le app per la terapia hanno contribuito a normalizzare l'idea che sia giusto perseguire il trattamento della salute mentale attraverso percorsi non tradizionali. E con persone di alto profilo come Michael Phelps e Ariana Grande Grazie alla collaborazione con queste app, potrebbero persino essere in grado di rendere il trattamento della salute mentale "cool".

Nota dell'editore: questa storia è stata aggiornata per eliminare la menzione di Alma, una piattaforma per la salute mentale che abbina i clienti ai terapeuti, ma non ha un'app per gli utenti.La conversazione

Lauri GoldkindProfessore associato di lavoro sociale, Università Fordham

Questo articolo è ripubblicato da La conversazione con licenza Creative Commons. Leggi il articolo originale.

Azienda

RAVCARE sfrutta l'ecosistema terapeutico digitale per portare l'assistenza sanitaria a ogni paziente.

Lasciateci aiutare

Certificazione

Icona della marcatura ce isolata su sfondo bianco vettoriale gratuito Dispositivo medico di classe I ai sensi della MDR.

Conformità a ISO 27001/13485 e HIPAA/GDPR

© RAVCARE srl - Non tutti i servizi sono disponibili in tutte le località. Le nostre soluzioni non sostituiscono un professionista della salute e non diagnosticano, prevengono o curano alcuna forma di malattia o patologia.
it_ITItaliano